Tempo di lettura: 7 min

Cosa vedere a Otranto: i migliori posti da visitare e itinerari per le tue vacanze

Otranto, il punto più orientale d’Italia, è una perla del Salento da non perdere.

Prima di tutto perché si può vivere la Puglia autentica e godere di spettacoli naturali mozzafiato come le acque cristalline delle spiagge e le grotte dal fascino esotico.

Inoltre, Otranto ha una lunga storia alle spalle. Sul suo territorio hanno messo piedi diversi popoli: macedoni, greci, turchi, romani e bizantini. La città è dunque un mix vincente di culture differenti in grado di far innamorare qualunque visitatore con la sua originalità.

Otranto è visitabile durante ogni periodo dell’anno.

In primavera ti puoi beare del clima mite mentre passeggi sul lungomare semideserto, in estate puoi goderti le meravigliose spiagge e la vivace vita notturna. L’autunno è il periodo perfetto per visitare con tutta calma il centro storico e i dintorni, mentre in inverno, l’ultimo dell’anno, puoi partecipare al concerto dell’Alba dei Popoli ed essere uno dei primi in Italia a vedere l’alba del nuovo anno. Insomma, Otranto è una città dal fascino intramontabile in grado di stupire chiunque.
Questa guida ti farà scoprire tutto quello che c’è da sapere su questa affascinante città salentina: cosa vedere, dove mangiare e molte altre curiosità.

Per il tuo itinerari in Puglia guarda anche cosa vedere e fare in Salento

Cosa vedere a Otranto: gli imperdibili e posti insoliti

  • Centro storico di Otranto
  • Castello Aragonese
  • Cattedrale di Otranto
  • Torre del Serpe
  • Baia dei Turchi
  • Laghi Alimini
  • Faro della Palascia
  • Cave di Bauxite
  • Ipogeo di Torre Pinta

Il centro storico di Otranto

Casette bianche addossate, dedali di strade in pietra viva e negozietti che vendono prodotti artigianali sparsi in ogni dove: è questo che contraddistingue la città di Otranto, donandole un’aria suggestiva soprattutto al calar del sole.

Questo suo fascino, unito alla ricchezza culturale, hanno fatto del centro storico di Otranto uno dei patrimoni culturali dell’Unesco.
Passeggiando fra le viuzze del centro storico di Otranto potrai vivere l’atmosfera tipica salentina, ammirare il modo in cui le varie culture hanno influenzato le architetture della città nel tempo e visitare attrazioni culturali come il Castello Aragonese e la Cattedrale di Otranto.

Il Castello Aragonese

Otranto è abbracciata dalle mura del Castello Aragonese, costruito per difendere la città dopo l’invasione dei Turchi. Questa imponente architettura si compone di mura, bastioni, sotterranei e varie torri.

Il prezzo per visitare gli interni del castello è veramente ridotto e ne vale totalmente la pena.

La Cattedrale di Otranto

Eretta nel 1088, la Cattedrale di Otranto è una delle attrazioni principali della città.

Al suo interno si possono trovare i resti degli ottocento martiri dell’invasione turca e un’armoniosa convivenza fra stili e culture diversi: arabo, barocco e romanico.

Puoi notare lo stile orientale anche nella splendida pavimentazione a mosaico che ha contribuito a rendere celebre la Cattedrale di Otranto.

Torre del Serpe

Anche chiamata Torre dell’Idro, questa torre a picco sulla costa è legata ad un’antica leggenda: si dice infatti che la torre fosse stata eretta in periodo normanno per fare da faro e che ogni notte un serpente risalisse la scogliera per bere l’olio che ne alimentava la luce.

Secondo un’altra leggenda Otranto sarebbe stata salvata proprio da questo serpente: avendo consumato tutto l’olio la luce si era spenta e i nemici che arrivavano non fecero caso ad Otranto, dirigendosi verso Brindisi.
Ad oggi Torre dell’Idro è parzialmente diroccata, ma vale comunque la pena farci visita.

Baia dei Turchi

La Baia dei Turchi, che prende il nome dall’invasione turca del 1480, è caratterizzata da sabbia bianca e sottile e acque cristalline; la spiaggia è delimitata da scogliere di tufo e da una pineta. Puoi goderti la Baia dei Turchi sia presso uno stabilimento privato che nel lembo di spiaggia libera.

Laghi Alimini

I Laghi Alimini sono due laghi dell’entroterra salentino. Una volta erano un lago unico, ma ad oggi sono divisi da una lingua di sabbia. Alimini Grande contiene acqua di mare, mentre Alimini Piccolo acqua dolce.

I laghi non sono balneabili, ma la vista è mozzafiato.

Faro della Palascia

Il faro della Palascia è situato sul punto più orientale d’Italia, al confine fra Mar Adriatico e Mar Ionio.

È il luogo ideale se sei una persona che ama la tranquillità e vuoi goderti il silenzio mentre vieni cullato dal soffio delicato del vento. Il Faro della Palascia è un ottimo punto di osservazione per guardare il paesaggio, soprattutto la sera: da qui potrai ammirare un meraviglioso cielo stellato.

Cave di bauxite

Recandoti alle cave di bauxite potrai immergerti in un paesaggio dalle tinte surreali date dalla presenza di bauxite, una roccia sedimentaria usata come base per la produzione dell’alluminio.

Queste cave sono caratterizzate da un laghetto verde smeraldo, rocce color ruggine e cespugli dalle tinte brillanti. Un vero spettacolo per gli occhi, ma anche per lo spirito: qui infatti regna una splendida pace.

Ipogeo di Torre Pinta

Fra le cose insolite da vedere a Otranto c’è l’ipogeo collocato sotto Torre Pinta, nella Valle delle Memorie. Si tratta di un complesso di piccole celle risalenti al Neolitico; al loro interno venivano riposte le urne dei defunti.

Il paesaggio rurale che le circonda ti darà la sensazione di trovarti sul set di un film fantasy.

Cosa vedere a Otranto in un giorno

È possibile visitare Otranto con una sola giornata disponibile? Ecco cosa vedere a Otranto in un giorno.

Mattina

Puoi cominciare la mattinata con una sfiziosa colazione da Di Bolina Cafè, a pochi passi dal porto.

In seguito puoi dedicarti all’esplorazione del centro storico di Otranto visitando i negozi artigianali dove puoi trovare souvenir originali e prodotti tipici come sandali in cuoio, monili e kaftani.

Il resto della mattinata lo puoi dedicare alla visita del Castello Aragonese, della Cattedrale di Otranto e di Torre del Serpe. Seguendo il lungomare puoi arrivare fino alla Chiesa della Madonna dell’Altomare a cui gli abitanti di Otranto sono molto legati per la tradizione marinara.
A pranzo puoi fermarti al Ristorante dal Baffo e gustare le specialità a base di pesce.

Pomeriggio

Puoi dedicare la seconda parte della giornata all’esplorazione di spiagge, baie e altri spettacoli naturali che Otranto e dintorni possono offrire.
Comincia la tua esplorazione dall’Oasi dei Laghi Alimini per poi muoverti verso Baia dei Turchi. Prendi la macchina e vai a fare visita alle Cave di Bauxite e all’Ipogeo di Torre Pinta, poco distanti dal Otranto.
In seguito puoi recarti a Punta Palascia per visitare il faro e ammirare uno splendido tramonto sul mare.

Sera

Per cena torna nel borgo di Otranto per assaporare i gusti tipici del Salento. Un ottimo ristorante di cucina tradizionale è Peccato di Vino, che offre cucina tipica pugliese.

Puoi concludere la giornata prendendo parte a uno dei tanti eventi organizzati a Otranto (specialmente in estate) o passeggiando per il borgo per goderti la brezza, magari gustando un buon gelato.

Otranto di sera: cosa vedere e cosa fare

Cosa vedere a Otranto di sera?
Al calar del sole, il centro storico di Otranto assume un’atmosfera idilliaca e quasi surreale, complici le luci calde e soffuse dei faretti che illuminano gli edifici e la vitalità che invade le strade.

I negozi di Otranto, infatti, rimangono aperti fino a tardi garantendo un incessante via vai di turisti.

Potete trascorrere la serata passeggiando tranquillamente per il centro storico, ammirando il Castello Aragonese e la Cattedrale di Otranto sotto una luce differente.

Per cena puoi fermarti in uno dei ristoranti di cucina tipica pugliese.

Fra i più rinomati si trova Ristorante Alla Risacca, con un prezzo medio a persona di 25 euro e un pasto consumato nella tipica atmosfera marinara.

Ci sono poi i già citati Ristorante dal Baffo, locale informale con deliziosi decori a mosaico e un prezzo medio di 45 euro, e Peccato di Vino, un ristorante di cucina tipica con un prezzo medio a persona di 40 euro.

In alternativa si può spizzicare qualche aperitivo in uno dei tanti ottimi bar di Otranto. I migliori sono Spinnaker, un lounge bar che offre cocktail accompagnati da stuzzicheria tipica salentina,

L’ora di mezzo, in cui puoi sorseggiare un drink osservando l’intera città, e Panorama Bar, dove sia i cocktail che la musica sono ottimi.

Un piatto tipico di Otranto che si può trovare un po’ ovunque è la puccia: si tratta di impasto per la pizza cotto in forno a legna e farcito con gli ingredienti più disparati, sia dolci che salati.  Non puoi lasciare Otranto senza averne assaggiata almeno una!

Otranto la sera non è solo buon cibo e splendidi panorami, ma anche feste e divertimento. Dopo il tramonto, infatti, molti lidi si trasformano in discoteche a cielo aperto in cui i giovani possono scatenarsi.

Le più conosciute sono Bahia, Lido Fuorirotta e Ficodindia Beach. Il primo è un beach club di giorno per poi diventare una discoteca sulla sabbia la notte. Vengono organizzate serate a tema con i migliori DJ del territorio.

Anche Lido Fuorirotta è una discoteca sul mare presso la quale si possono gustare deliziosi cocktail e aperitivi ballando fino al mattino.
Ficodindia Beach si trova poco distante dal centro storico di Otranto ed è un locale frequentato sia da turisti che da gente del posto. Oltre a buona musica, DJ set e vitalità qui si possono trovare gastronomia, ristorazione e aperitivi.

Insomma, qualunque sia il tuo tipo di serata ideale Otranto ha la soluzione giusta per te.

Cosa vedere a Otranto con i bambini

Grazie alle sue dimensioni ridotte e alla sua bellezza semplice quanto spettacolare, Otranto è ottima da visitare con i bambini, prima di tutto perchè e cosparsa di storia e di tracce di popoli antichi.

Basta pensare che sui bordi di alcune case si possono ancora vedere delle grosse sfere di granito catapultate dalle bombarde saracene nel 1480.

Otranto è un vero e proprio museo a cielo aperto che i più piccoli saranno ben felici di esplorare per imparare molte cose nuove senza dover stare dietro un banco di scuola.

Rimarranno sorpresi nel vedere le numerose culture fondersi armoniosamente nelle architetture di Otranto, in particolare nella Cattedrale.

Dopo un po’ di storia cosa c’è di meglio di una bella nuotata nelle acque cristalline del Salento? Baia dei Turchi e le spiagge circostanti sono tutte fornite di stabilimenti balneari in cui vengono organizzate numerose attività anche per i più piccoli per permettere ai genitori di avere un po’ di relax.

Dopo essersi riposati un po’ in spiaggia si può partire alla volta delle Cave di Bauxite o delle numerose grotte lungo la costa.
Un’altra attività divertente da fare con i bambini è noleggiare una barca a Otranto e salpare verso nuove avventure per far sentire i tuoi figli dei veri e propri esploratori!

Il servizio più in voga per affittare barche è Click&Boat: gli skipper sapranno fornirti tutte le informazioni necessarie per navigare in sicurezza divertendovi. In questo modo i bambini potranno vivere una vacanza indimenticabile.

Come arrivare e dove parcheggiare

Otranto può essere raggiunta in aereo, in treno, in bus o in auto.
Per raggiungerla in aereo bisogna prendere un volo per Brindisi. Una volta arrivati in aeroporto si può prendere un bus diretto per Otranto o fare prima tappa a Lecce.

Per raggiungere Otranto in treno, invece, devi per forza passare per Lecce. Da qui puoi prendere il regionale per Otranto che passa una volta all’ora. Tuttavia, il più delle volte dovrai effettuare dei cambi.

Se vivi in Puglia o nei dintorni puoi considerare l’idea di arrivare ad Otranto in bus con partenza dalle principali città pugliesi.

In genere non è un’opzione consigliata in quanto è piuttosto dispendiosa in termini di tempo. Inoltre, nonostante le corse vengano potenziate in estate, sono comunque poche.
Per raggiungere Otranto in macchina, invece, dovrai prendere l’A2 Roma-Napoli e l’A16 Napoli-Canosa e in seguito l’A14 per Bari. Poi esci sulla superstrada e segui le indicazioni per Brindisi e Lecce. Svolta sulle Maglie-Otranto, esci sulla SS16 e segui le indicazioni per Otranto.
I principali parcheggi della città sono Parcheggio Giovanni Paolo II, posto appena fuori la zona ZTL del centro di Otranto, Parcheggio S. Antonio, Parcheggio Via Orte, Parcheggio Centrale Catona e Parcheggio Via Renis. Tutti questi parcheggi hanno prezzi contenuti che si aggirano attorno ai 3 euro al giorno.

Gli ultimi articoli

Set your categories menu in Theme Settings -> Header -> Menu -> Mobile menu (categories)
Create your first navigation menu here
Start typing to see posts you are looking for.