Tempo di lettura: 3 min

Le spiagge più belle dell’Isola di Giannutri: foto e mappa

Isola di Giannutri: guida alle spiagge più belle

Dimentica la frenesia cittadina e immergiti in un vero e proprio paradiso terrestre, l’Isola di Giannutri.

Collocata nel cuore del mar Tirreno, a pochissima distanza sia dall’Isola del Giglio sia dall’Argentario, oltre ad essere la più meridionale delle isole dell’Arcipelago Toscano, Giannutri è anche il punto più a sud dell’intera Toscana.

Le sue dimensioni ridotte (l’Isola ha una superficie di 2,6 chilometri quadrati), il suo aspetto ancora selvaggio e la grande attenzione da parte delle istituzioni verso l’ecosistema ha permesso che Giannutri conservasse intatto il suo fascino naturalistico di grande pregio.

Caratteristica è la costa frastagliata e rocciosa su cui sono presenti numerose calette e il grande Golfo dello Spalmatoio dove si trova l’unico villaggio dell’intera isola.

Stilare una lista delle spiagge più belle di Giannutri non è affatto semplice, non tanto per le sue dimensioni quanto perché sono tutte pariteticamente suggestive.

Le più note ed importanti sono comunque due: Cala Spalmatoio e Cala Maestra, entrambe caratterizzate da un’acqua limpidissima e ricca biodiversità marina.

Sei pronto ad unirti a noi per scoprire questa splendida isola?

Le migliori spiagge dell’Isola di Giannutri

  • Cala dello Spalmatoio
  • Cala Maestra
  • Cala Ischiaiola
  • Cala dello Schiavo
  • Cala Volo di Notte

Cala dello Spalmatoio

Cala Spalmatoio è la spiaggia principale dell’Isola e anche il porto per i traghetti provenienti da Porto Santo Stefano.

Il nome, che sembra sulle prime molto curioso, è legato all’attività di riparazione delle navi con la pece avviata in epoca romana.

L’arenile molto piccolo è prevalentemente roccioso mentre le acque cristalline di una colorazione blu intenso celano un fondale ricco di biodiversità marina, perfetto per gli appassionati di snorkeling.

Cala dello Spalmatoio è anche l’unico centro abitato in cui sono presenti anche diversi servizi tra cui un piccolo market, un bar e un ristorante ed è quindi ideale se viaggi con bambini o se comunque non rinunci al comfort anche in vacanza.

Cala Maestra

La spiaggia di Cala Maestra è la seconda spiaggia accessibile liberamente. Collocata a solo un chilometro da Cala dello Spalmatoio, è una piccola caletta di ciottoli chiari abbastanza riparata dai venti grazie alla presenza di due ampi moli da cui si può prendere il sole.

Da qui, seguendo un sentiero, si scende per una scala che funge da accesso al mare.

Cala Maestra non è attrezzata, ma in compenso ha un fondale digradante perfetto anche per i più piccoli e per i natanti meno esperti.

Inoltre, poco sopra la spiaggia sorge la maestosa villa romana dei Domizi Enobarbi di cui, nel 2002 sono stati scoperti i preziosi pavimenti in mosaico.

Cala Ischiaiola

Se ami le immersioni non puoi assolutamente perderti Cala Ischiaiola. In questa caletta situata un po’ più a sud di Cala Maestra si trova infatti il relitto della nave Anna Bianca che giace ad una profondità tra i 40 e i 52 metri.

Cala dello Schiavo

Se hai in programma una gita in barca è il momento giusto per visitare Cala dello Schiavo (detta anche dello Schiavone). Questo piccolo angolo di paradiso è infatti raggiungibile unicamente via mare procedendo verso sud da Cala dello Spalmatoio.

Cala Volo di Notte

Poco oltre Cala dello Schiavo si trova Cala Volo di Notte che può essere raggiunta percorrendo un sentiero non troppo impegnativo da Cala dello Spalmatoio.

Ti consigliamo di visitare questa caletta per godere della sua tranquillità e dell’atmosfera di relax in cui ti troverai avvolto.

Il mare è di un blu intenso e l’acqua è limpida e pulita, caratteristiche che affascineranno senz’altro gli appassionati di immersione ma anche coloro che vogliono godersi una rigenerante nuotata lontano da spiagge affollate.

Cosa fare all’Isola di Giannutri: escursioni e itinerari

L’isola di Giannutri è senz’altro conosciuta per le sue suggestive baie di acqua trasparente e le accoglienti calette immerse tra i profumi inebrianti della macchia mediterranea.

Luoghi ideali per rilassarsi ma anche per concedersi il piacere della scoperta intraprendendo i percorsi trekking che li attraversano.

Che sia per una sola giornata o per una sosta più lunga, l’Isola di Giannutri unisce al fascino della storia la bellezza di un contesto naturalistico di grandissimo pregio.

Non per nulla è conosciuta anche come isola dei gabbiani dato che qui i volatili nidificano indisturbati e in gran numero.

Se vuoi avventurarti da solo, l’unico sentiero percorribile in autonomia è quello che da Cala Spalmatoio conduce a Cala Maestra, mentre per tutti gli altri è necessario essere accompagnati da una guida escursionistica.

Località e storia

Da una serie di ritrovamenti pare che Giannutri sia stata abitata già a partire dall’età del bronzo, mentre bisognerà attendere l’epoca romana per ritrovare le prime costruzioni vere e proprie.

A questa fase storica risale la notevole Villa Domizia, datata II secolo d.C.

Visitabile solo con guida turistica, la villa fu costruita dalla famiglia dei Domizi Enobarbi ed in epoca recente è stata oggetto di diversi scavi archeologici che ne hanno riportato alla luce alcuni ambienti, in particolare le stanze destinate alla famiglia imperiale ma anche le terme.

Cala dello Spalmatoio ospita invece i resti di un antico porto romano mentre nella parte più a sud dell’isola si trova il Faro di Giannutri.

Pur rimanendo visitabile tutto l’anno, il momento migliore per godersi l’Isola di Giannutri è l’estate.

L’isola è collegata con Porto Santo Stefano tutto l’anno, mentre il collegamento con l’Isola del Giglio è garantito solo in estate. Per accedervi è necessario pagare un biglietto di ingresso di 4 euro acquistabile insieme al biglietto del traghetto.

Gli ultimi articoli

Set your categories menu in Theme Settings -> Header -> Menu -> Mobile menu (categories)
Create your first navigation menu here
Start typing to see posts you are looking for.