Tempo di lettura: 9 min

Cosa vedere ad Ostuni: mare, dintorni e itinerari

Quando il sole bacia il profilo delle sue tipiche case bianche, Ostuni splende quasi come una perla tra ulivi secolari, muretti a secco, vicoli stretti e una meravigliosa linea di mare blu che si intravede all’orizzonte.

Esplorare questo paradiso della Valle d’Itria vuol dire entrare a contatto con una bellezza quasi fuori dal tempo.

La stessa che si incontra nelle viuzze dove, non di rado, ti capiterà di osservare le donne più anziane, custodi di un sapere dalle radici profonde, a lavoro nella preparazione della pasta fresca.

Dalle Mura Aragonesi alla Cattedrale, dalle suggestive chiese all’Obelisco di Sant’Oronzo fino alle pregevoli oasi naturalistiche, la città di Ostuni è un trionfo di arte, cultura, natura e storia tutto da scoprire.

Cosa vedere ad Ostuni in 3 giorni: gli imperdibili e posti insoliti

I bagagli sono pronti? Non ti resta che partire per la Murgia Meridionale alla scoperta dell’incantevole città bianca.

Ecco cosa vedere in un tour di 3 giorni

  • Centro Storico
  • Piazza della Libertà
  • Chiesa di San Francesco
  • Obelisco di Sant’Oronzo
  • Arco Stoppa e Cattedrale di Santa Maria Assunta
  • Chiesa dello Spirito Santo
  • Museo Civico di Ostuni
  • Parco Archeologico Naturale di Santa Maria di Agnano
  • Parco delle Dune Costiere
  • Borghi da visitare vicino ad Ostuni
  • La casa con la porta blu

Per costruire il vostro itinerario in Puglia, vi consigliamo di guardare anche cosa vedere in Val D’Itria, con i posti più belli da visitare assolutamente.

Giorno 1

Una volta arrivato ad Ostuni, vedrai che il paese è circondato da mura difensive edificate a partire dal medioevo e ampliata nel corso dei secoli.

Complessivamente sono tre e quelle meglio conservate si estendono dall’inizio di Porta Nuova fino ad arrivare a Palazzo Scalona.

Passeggiare per le vie del centro storico ti porterà a conoscere angoli segreti, scalinate, balconi e punti panoramici dai quali ammirare splendidi panorami.

Il centro poi ha il vantaggio di essere accessibile a tutti anche nei punti con delle scale che possono essere sostituiti con percorsi alternativi.

Insomma, Ostuni è davvero un luogo per tutti!

Piazza della Libertà

Cuore del centro di Ostuni, Piazza della Libertà può essere considerata il “salotto” del paese dove si trovano numerosi bar, ristoranti oltre agli uffici turistici in cui poter richiedere informazioni.

Ottimo punto di partenza per visitare la cittadina, la Piazza ospita il Palazzo San Francesco un antico monastero francescano del Settecento che oggi ospita il Municipio.

Chiesa di San Francesco

La chiesa di San Francesco si trova anch’essa nel centro storico e rientra nel complesso monastico dei padri francescani conventuali.

La prima edificazione risale al 1304 ed inizialmente pare avesse uno spiccato stile gotico mantenuto fino al 1615 anno in cui subì rimaneggiamenti e venne ricostruita.

Nella metà del Settecento i Padri Francescani, dopo aver ricostruito il convento, vollero mettere a nuovo anche la chiesa.

L’interno è a navata unica con un’elegante cupola, pregevoli stucchi e un altare maggiore riccamente decorato con una balaustra in marmo e una splendida tela raffigurante Mosè, opera di Luca Giordano.

Numerose sono anche le statue lignee risalenti al XVII-XVIII secolo tra le quali spiccano quella di San Giuseppe e quella dell’Immacolata.

Obelisco di Sant’Oronzo

Simbolo della devozione della città di Ostuni per il suo santo Vescovo, l’obelisco venne edificato nel 1743 ad opera di Giuseppe Greco nel punto che collega il borgo antico e quello nuovo.

L’obelisco è alto circa 19 metri e mezzo ed è uno splendido esempio di arredo urbano di stile settecentesco.

Vedendola nella sua imponenza vi sembrerà stranissimo che la statua possa essere stata smontata e restaurata nel chiostro del comune a diretto contatto con la popolazione.

Arco della Stoppa e Cattedrale di Santa Maria Assunta

“In questo posto mi sembra di esserci già stato…” è questo quello che penserai una volta arrivato davanti l’Arco della Stoppa.

Semplicemente si tratta di un’architettura ispirata al Ponte dei Sospiri di Venezia e rientra assolutamente tra le tre cose da non perdere ad Ostuni.

Elegante e magistralmente bilanciato a livello geometrico, la Loggia si compone di un fastigio che mostra un cartigio decorato con un putto, volute, conchiglie e fiaccoloni.

Un ulteriore tassello in un mosaico già perfetto e ricco di piccoli tesori tutti da scoprire.

La Cattedrale di Santa Maria Assunta si trova nella parte più alta della città e risale al XV secolo.

Esternamente si caratterizza per il gusto tardo gotico e per i tre portali ogivali ciascuno dei quali è sormontato da un rosone. Il centrale è quello più grande.

L’interno con pianta a croce latina, rimaneggiato nel settecento, ospita diverse cappelle barocche ed un soffitto che ti farà rimanere a bocca aperta per i suoi pregevoli affreschi.

Chiesa dello Spirito Santo

Basta uscire fuori dall’antica cinta muraria di Ostuni per ammirare la chiesa dello Spirito Santo, un altro gioiello artistico che vale la pena visitare.

Fiore all’occhiello dell’edificio è il portale, autentico gioiello della scultura Rinascimentale, che si contraddistingue per le sue dimensioni e per le decorazioni che lo caratterizzano.

L’interno è a navata unica, con copertura a volta ma della sua struttura originaria non è rimasto nulla poiché nel Novecento la chiesa è stata soggetta a due restauri che ne hanno modificato notevolmente l’aspetto.

L’unica tela presente nella chiesa è la Madonna con Bambino e i Santi Gioacchino, Anna ed Elisabetta, di fra’ Jacopo da San Vito.

Giorno 2

Museo Civico della Murgia Meridionale

Il secondo giorno si apre con una visita al Museo Civico di Ostuni, edificio inaugurato nel 1989 all’interno dell’ex monastero carmelitano di Santa Maria Maddalena dei Pazzi con annessa chiesa di San Vito.

Soggetto ad un accurato restauro, il museo è stato riaperto nel 2011 con una mostra temporanea; la chiesa invece, nota anche col nome di Monacelle, risale al 1750 circa ed è opera di alcune maestranze ostunesi che la edificarono sulla precedente chiesa di San Vito distrutta da un terremoto nel 1743.

Nella facciata trova espressione lo stile rococò, mentre all’interno si trovano cinque altari in pietra di cui due caratterizzate dalla presenza di teste di cherubini.

Parco Archeologico Naturale di Santa Maria di Agnano

A circa 2 km dal centro di Ostuni troverai un sito che unisce una grande importanza storica ad un contesto naturalistico davvero unico: il parco archeologico e naturalistico di Santa Maria D’Agnano.

Si tratta di un’area di 13 ettari, alle falde della Murgia Meridionale, dove dal 1987 sono stati effettuati scavi archeologici che hanno poi portato nel 1991 all’istituzione del Parco Archeologico gestito dal museo di civiltà preclassiche della Murgia meridionale.

Pare che qui, per oltre 30.000 anni, siano stati celebrati culti e riti dedicati ad un’immagine femminile di cui si conservano i calchi della sepoltura all’interno della nota grotta.

Inoltre, sono presenti elementi legati al corredo funebre, bracciali di conchiglie forate al polsi della donna, un copricapo, strumenti in pietra e resti che testimoniano la venerazione della donna a scopi propiziatori.

Parco delle Dune Costiere

Una giornata dinamica immerso in una natura davvero meravigliosa? Abbiamo il posto che fa per te!

Il Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Lorenzo è una splendida area protetta di 1.100 ettari che si estende tra i comuni di Fasano e Ostuni per 8 km di costa.

Il nome deriva dai lunghi cordoni dunali che separano il mare dalle zone umide dove numerose specie di uccelli migratori hanno trovato il loro habitat naturale tra pascoli e ulivi millenari.

All’interno di questa splendida cornice naturalistica potrai svolgere numerosissime attività da quelle sportive come il trekking e la bicicletta fino ai workshop e le cooking class dove potrai imparare tutti i segreti della cucina tipica locale.

Giorno 3

Per l’ultima giornata del tuo tour, ti proponiamo una gita fuori porta nei graziosi borghi che circondano Ostuni.

Cisternino

Annoverata tra i borghi più belli d’Italia, questa località che si affaccia sulle Murge merita di essere visitata per la sua storia, le sue tradizioni e la spettacolare gastronomia. Raggiungere Cisternino è semplice, la località infatti dista da Ostuni circa 14 km.

Il centro storico è un dedalo di stradine che sapranno conquistarti grazie ai loro piccoli tesori nascosti, tra palazzi, monumenti ed edifici sacri. Dalla Torre di Porta Grande (o Normanno-Sveva), alta 17 metri, di epoca medioevale, alla Chiesa Madre fino al Palazzo del Governatore e alla Torre Capece, Cisternino si caratterizza per un fascino che racconta una storia dalle radici profondissime.

I più golosi troveranno pane per i loro denti tra i fornelli localizzati nei vicoli cittadini. All’interno di questi locali dove verrai letteralmente travolto da profumi che farai fatica a dimenticare, potrai gustare una delle eccellenze pugliesi più note al mondo: le bombette.

Ceglie Messapica

Appena a 10 km da Ostuni, si trova un altro graziosissimo borgo che vale la pena visitare.

Si tratta di Ceglie Messapica una delle città più antiche della Puglia che si erge su una piccola collina nella parte Sud dell’Altopiano delle Murge, nella Valle d’Itria.

Il centro storico del borgo è spiccatamente medievale e si caratterizza per una serie di vicoletti su cui si affacciano luminose casette bianche. Da vedere è il Castello Ducale, costruito intorno all’XI secolo, al cui interno sono custoditi numerosi stemmi delle famiglie nobili che si sono avvicendate alla guida del feudo.

Molto suggestiva è anche Piazza Vecchia, dove un tempo veniva allestito il mercato cittadino e oggi punto di incontro per locali e turisti.

In questa graziosa località della Puglia, non potrai fare a meno di rimanere affascinato da alcune tradizioni che vanno avanti da secoli e uniscono storia e artigianato. Tra queste, quella delle luminarie o ancora la realizzazione delle preziose ceramiche rigorosamente fatte a mano.

La casa con la porta blu

Dopo questa gita è tempo di tornare ad Ostuni. Se sei un “instagram addicted” non puoi certo perderti la casa con la porta blu.

Si tratta di uno dei luoghi più famosi e fotografati di Ostuni ed è molto particolare. Sul cielo azzurrissimo della Puglia si staglia questa striscia candida su cui spicca la porta blu.

Oggi al suo interno si trova una casa vacanze. Magari la prossima volta che deciderai di tornare ad Ostuni, potrebbe essere il tuo punto di appoggio!

Cosa vedere ad Ostuni in un giorno

Non essendo dimensionalmente troppo grande, un giorno ti sarà sufficiente per esplorare Ostuni rapidamente ma con dovizia di particolari.

Il punto di partenza è sempre il centro della città, da qui potrai partire alla scoperta di una delle chiese più suggestive di Ostuni quella di San Vito Martire.

Costruita tra il 1750 e il 1752 dai resti di tre palazzi signorili, crollati nel terremoto del 1743, custodisce al suo interno anche il museo civico.

Poco distante dalla Cattedrale troverai l’arco Scoppa, punto di congiunzione tra il palazzo Vescovile e quello del Seminario. Situato in largo Trinchera è interamente realizzato in legno ed è di spiccato gusto barocco.

Ammirandone la bellezza non potrai sottrarti alla voglia di scattare una foto.

Prosegui il tuo tour alla volta della chiesa di S. Giacomo in Compostella situata in via Bixio Continelli.

L’edificio in stile gotico è stato costruito nel 1400 per volere della famiglia Caballerio e si caratterizza per l’arco esterno con decorazioni floreali e raffigurazioni umane.

Concediti a questo punto una sosta rigenerante in Piazza della Libertà gustando i piatti della cucina tipica locale.

Imperdibili le orecchiette, nella loro versione più classica con le cime di rapa oppure conditi col pescato fresco proveniente dalle spiagge limitrofe.

In Puglia molto forte è anche la tradizione dei legumi. Un piatto molto diffuso sono i cavatelli con i ceci come anche il purè di fave con la cicoria.

Ma vogliamo parlare dello street food più diffuso e amato di questa zona? Hai capito di cosa stiamo parlando?

Ma del panzerotto, naturalmente!

Adesso che hai assaggiato questa prelibatezza puoi salutare Ostuni con gli occhi pieni di meraviglia e lo stomaco pienamente appagato.

Ostuni e il mare: i migliori posti da vedere

Dopo aver esplorato gli angoli più segreti di Ostuni, i suoi tesori artistici, la sua natura incontaminata e, naturalmente, la gustosa gastronomia non è arrivato il momento di rilassarsi un po’?

Ecco per te una selezione di spiagge che non puoi davvero perderti durante il tuo soggiorno

  • Cala Quarto di Monte
  • Torre Pozzelle
  • Torre Guaceto
  • Spiaggia di Rosa Marina
  • Torre Santa Sabina
  • Lido Morelli
  • Spiaggia di Pilone

Scopri anche tutte le spiagge e i lidi della Puglia.

Cala Quarto di Monte

Un piccolo angolo di paradiso situato nelle immediate vicinanze di Ostuni, Cala Quarto di Monte è un luogo ideale per rilassarsi con i piedi immersi in una sabbia soffice e dorata ma soprattutto per godere di un mare dalle sfumature uniche.

Torre Pozzelle

Totalmente diversa rispetto alle altre spiagge nei pressi di Ostuni, Torre Pozzelle è formata da tante piccole rocce tra le quali si insinuano tratti di sabbia dorata. Lo spettacolo è completato dall’acqua cristallina che bagna la costa e dai diversi pozzi naturali generati dall’acqua piovana.

Torre Guaceto

Amante della natura incontaminata? Non puoi perderti Torre Guaceto con il suo contrasto di rocce con una piccola spiaggia sabbiosa ideale per le famiglie con bambini.

Un perfetto compromesso tra relax e avventura!

Spiaggia di Rosa Marina

La movida è di casa in questa spiaggia! Grande classico per chi decide di visitare Ostuni, la spiaggia di Rosa Marina è ideale per chi non rinuncia alle comodità e al divertimento.

Torre Santa Sabina

Prendi una folta pineta, aggiungi un mare limpido e trasparente che bagna una morbida sabbia e otterrai l’atmosfera magica di Torre Santa Sabina.

A 20 minuti circa da Ostuni, un’oasi di pace dove abbandonare lo stress e rilassarsi.

Lido Morelli

Caraibi? No, Lido Morelli.

Caratteristica di questa spiaggia è l’acqua trasparente e non molto profonda sulla quale ci si può addirittura specchiare!

Inutile dirti che è un luogo perfetto per tutti. Dai bambini ai più grandi che potranno godersi la loro vacanza nella quiete più totale.

Spiaggia di Pilone

Tra le spiagge più conosciute di Ostuni, la Spiaggia di Pilone è iconica per la sua imponente torre aragonese che arricchisce un contesto naturalistico davvero splendido.

Dune di sabbia dorata lambite da un mare azzurro intenso dove tuffarsi in tutta sicurezza grazie al fondale digradante.

Come arrivare e info utili

Ostuni si trova in provincia di Brindisi, nel cuore della Puglia.

Per questa ragione è facilmente raggiungibile con uno dei numerosi treni veloci per Brindisi o direttamente per Ostuni.

La stazione ferroviaria si trova fuori dal centro abitato a circa 2 km dal centro di Ostuni. Per raggiungere il centro città ti basterà seguire le indicazioni o prendere uno dei bus urbani.

Se viaggi in aereo gli aeroporti più vicini sono quello di Brindisi a 30km lungo e Bari a 98 km ottimamente collegati alle principali città italiane e raggiungibili seguendo la SS16.

In auto, arrivando da Bari puoi raggiungere Ostuni percorrendo l’A16 o l’A14. Dopodiché segui l’uscita Bari Nord in direzione Brindisi. Procedi lungo la strada statale 16 da Bari a Brindisi fino all’uscita Ostuni-Villanova, in direzione di Ostuni. Da qui segui le indicazioni.

Se arrivi da Taranto percorri la strada statale 106 e prendi l’uscita Grottaglie-Brindisi. Segui la strada statale 7 Taranto-Brindisi fino all’uscita Ostuni.

Da Lecce segui la statale 16 fino all’uscita Ostuni-Villanova, in direzione di Ostuni; da qui segui le indicazioni verso la città.

Gli ultimi articoli

Set your categories menu in Theme Settings -> Header -> Menu -> Mobile menu (categories)
Create your first navigation menu here
Start typing to see posts you are looking for.